Ultimi aggiornamenti

Le firme non si raccolgono da sole

di Maurizio Acerbo* – Negli ultimi giorni è cresciuta tantissimo l’attenzione sul referendum costituzionale di ottobre. Bisogna dire che un grande contributo l’ha dato la maniera arrogante espregiudicata con cui Renzi e la Boschi hanno lanciato la campagna per il Si. La netta presa di posizione della Confindustria dovrebbe aver chiarito definitivamente che siamo di fronte a un’ulteriore capitolo dell’attacco neoliberista contro democrazia e diritti.

Nonostante l’informazione televisiva continui a oscurare le ragioni del No alla deforma costituzionale e all’Italicum il moltiplicarsi di prese di posizioni autorevoli di costituzionalisti circolano abbondantemente e si moltiplicano le iniziative in giro per l’Italia. Gli stessi sondaggi incoraggiano alla lotta e all’impegno contro il pasticcio autoritario renziano.

Decine di migliaia di persone hanno condiviso sui social il video della nostra compagna Lidia Menapace che invita la Boschi a ripassare un po’ di storia.

Insomma il clima è positivo, in italia c’è tanta gente che non si lascia abbindolare dagli slogan renziani  ma non tutto va come dovrebbe andare.

La campagna della raccolta firme sull’Italicum come sui referendum sociali è ancora molto al di sotto delle necessità. Nonostante l’amplissimo arco di personalità, movimenti, associazioni e partiti coinvolti non è partita immediatamente con la dovuta capillarità e incisività sul tutto il territorio nazionale. Diciamo che ci ha messo unpo’ troppo a decollare.

Abbiamo superato più della metà dei tre mesi della campagna di raccolta e i numeri non sono esaltanti anche se i segnali sono di un crescente impegno.

Non ci possiamo nascondere che con questo ritmo non ce la faremo e ogni trascuratezza e ogni pigrizia ormai rischia di essere esiziale. Il tempo a disposizione non è infinito. Entro il 2 luglio i moduli dell’Italicum e dei referendum sociali, entro il 13 luglio quelli per la Costituzione, completi delle firme autenticate e certificate, dovranno essere depositati presso la Corte di Cassazione a Roma dalla Segreteria operativa centrale.

Quindi le operazioni di raccolta delle firme, compreso il ritiro dei moduli dai Comuni, dovranno concludersi entro il 20 giugno per Italicum e referendum sociali, il 1 luglio per la Costituzione.

E’ necessario dunque fare molto di più per raggiungere l’obiettivo. Il risultato dipende da ciascuno di noi.

A tutte le compagne e i compagni che ci leggono non possiamo che rivolgere l’appello ad attivarsi presso i comitati del proprio territorio e se un comitato ancora non c’è a metterlo in piedi il più rapidamente possibile mettendosi in contatto con i referenti dei vari referendum.

Alle federazioni e ai circoli di Rifondazione Comunista chiediamo il massimo impegno nella raccolta e laddove non l’hanno già fatto a partire prima possibile. Soprattutto invitiamo a portare la nostra esperienza militante in tutti i comitati e a esserne promotori laddove ancora non ci sono chiamando a raccolta tutte le energie disponibili.

Dobbiamo moltiplicare i banchetti ovunque possibile. Nelle strade, nelle piazze, nei mercati, davanti a scuole, ospedali, fabbriche e uffici. Ovunque.

Ricordiamoci che le firme non si raccolgono da sole.

* gruppo di lavoro PRC-Se sui referendum

……

alcuni siti di riferimento

coordinamento per la democrazia costituzionale

www.referendumitalicum.it

campagna referendum sociali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: